Marcadores

jese (1) Jesus (139) Saul (59)

domenica 4 maggio 2014

19.04.2014 di Gesú


Nulla di ciò che esiste può essere inferiore a Dio


Gesú, 19 aprile 2014 


La domenica di Pasqua è un giorno molto importante per molti di voi come fateuna celebrazione memoriale annuale della mia resurrezione e della sua confermache tutti i figli di Dio (e tutti sono figli di Dio) hanno diritto, e sonodestinati alla vita eterna. Come Io, e molti altri, continuiamo a ricordare, lavita non finisce mai. Nostro Padre ciha creati per godere della vita eterna , e ciò che Egli crea è, per sua stessanatura, eterna. Dal momento della vostra creazione avete vissuto costantemente,senza interruzioni, all'interno dell’Unità che Lui è. Lui è tutto ciò cheesiste, e quindi non c'è nessun altro posto in cui si potrebbe risiedere. Semplicementericordate a voi stessi, quando sorgono dubbi e ansie, "Non c'è nulla che non sia Dio". Lavostra inconsapevolezza di Dio e del suo amore infinito per voi è illusoria.

Oggi ricordatevi di questa verità. E domani, e domani ancora!

Il fatto che non state sperimentando l'Amore di Dio per voi in ogni momentonelle vostre vite umane è perché avete scelto di sperimentare la separazione daLui. Avete il libero arbitrio, e così potete cambiare idea in ogni momento,cambiare le vostre scelte e cambiare le vostre esperienze. Tuttavia , la sceltadi sperimentare la separazione dalla Sorgente divina ha fatto parte del vostrosistema di credenze per eoni ed è quindi profondamente radicata dentro di voi.Molti di voi al momento stanno attraversando un massiccio rilascio di vecchibagagli emotivi di cui non avete più bisogno o con cui non siete più inrisonanza, e quel rilascio vi sta portando dubbi e ansie di apparentementeenorme intensità, e minacciando le vostre convinzioni fortemente radicate su divoi e su Dio. "Esiste davvero un Dio? Lo sto immaginando perché ilpensiero della morte, dello sterminio, del vuoto, del nulla, è più di quantopossa sopportare? " E' molto inquietante perché molti delle vostreconvinzioni radicate sono molto meno amorevoli - molti credono in un Dio chegiudica, condanna e punisce i peccatori in un inferno eterno, ma Chi potrebbeaccettare coloro che si pentono, sesono adeguatamente pentiti. Sicuramente il vuoto sarebbe meglio di un’eternasofferenza all'inferno?

Tuttavia, la verità è che siete sempre amati da Dio, e non c'è niente che potreste mai fare percambiare la situazione. L'inferno è dell'illusione, è irreale, ma molti lovivono quotidianamente, facendolo sembrare totalmente reale. Quello che credeteè ciò che si verifica. Avete tutti incontrato persone che sono perennemente infelici,vittime di un mondo ingiusto; ma non avete tutti, o la maggior parte di voi,occasionalmente incontrato qualcuno che è pieno di gioia di vivere? Entrambiabitano lo stesso mondo, semplicemente hanno scelto di vederlo in modo diverso.

Dio è Amore, Dio è immutabile, e siccome siete parte di Dio lo siete anche voi.Avete solo temporaneamente dimenticato chi siete, dimenticato la vostra veranatura divina, e, all'interno dell'illusione, state ancora giocando con l'ideadi essere separati da Dio, e quindi inferiori a Lui. Ma nulla di ciò che esistepuò essere inferiore a Dio perché tutto è Uno con Dio. L’ho scoperto quando hocamminato sulla Terra tutti quei secoli fa, ed è vostro destino fare la stessascoperta.

Potete ritardare quella scoperta procrastinandoin uno stato di penoso auto-giudizio in cui scegliete di credere che sieteindegni dell'amore di Dio, e dove continuate ad aggrapparvi ad una credenza ouna serie di credenze in cui scegliete di punirvi continuando a ricordarvi chesiete indegni del Suo Amore, e che dovete sparire dalla Sua vista finché nonmigliorerete o ne diventerete degni.

Ma Egli vi ha creato perfetti, così come potreste eventualmente migliorare inquesto? Il vostro senso di indegnità è illusorio, parte dell'ambiente illusorioin cui vi siete immersi, e che continuate a "provare" come vero ereale trattando male gli altri, e quindi osservando i risultati disastrosi ditali atteggiamenti e comportamenti insensibili. Ma gli esseri d’Amore - VOI - sonoincapaci di trattare gli altri non amorevolmente perché siete Uno con Dio, la vostraFonte divina.

Quello che vedete e sperimentate come dolore, sofferenza, tradimento, diffidenza,abbandono, solitudine sono tutti aspetti dell’illusione che avete costruito collettivamentein modo da giocare con l'idea della separazione dalla Sorgente, Dio, il vostro eternamenteamorevole Padre. La Sua Volontà per voi è che siate sempre felici, gioiosi, inpace, soddisfatti  ed estaticamenterallegrati per il fatto che siete eternamente vivi come Suoi aspetti essenziali ed insostituibili. Quando virisveglierete alla Realtà quella sarà la vostra esperienza permanente .

Uno dei passi fondamentali sul sentiero del vostro risveglio è quello diperdonare. Perdonare voi stessi. Fino a che non vi perdonerete saràestremamente difficile perdonare veramente gli altri, anche se l'intenzione difarlo è molto forte. Finché non vi perdonerete continuerete a paragonarvi congli altri, a confrontarvi con loro, e a tentare di giustificarvi mentre ligiudicate. Ma non c'è bisogno di giustificarsi. Dio vi ha creati, quindi  nessuna ulteriore giustificazione è necessariao possibile.

Quando vi perdonate onestamente, troverete sempre più facile perdonare glialtri, indipendentemente da quanto malvagi o corrotti possano essereoriginariamente apparsi nella vostra percezione. L’implacabilità è lo schermosu cui viene proiettata l'irrealtà dell'illusione. Quando vi perdonate davverospegnete il proiettore e arrotolate lo schermo e l'illusione è finita. Quindi,questo giorno di Pasqua impegnatevi pienamente a perdonare e poi rilassatevi e lasciateviandare nell’accettazione amorevole e incondizionata con cui si presenta. Ricordateche ho amorevolmente perdonato chi mi ha crocifisso, sapendo che non avevanoidea di quello che stavano facendo o perché, perché questa è la confusionedell'illusione. Rilasciate e siate liberi, questo è il vostro inevitabile destino.Dio non vi perdonerà, perché Egli non vede nulla da perdonare! Abbracciate lavostra perfezione perdonando voi stessi, poi meravigliatevi e deliziatevi nellapace che ciò vi porta.

Il vostro amorevole fratello, Gesù .

Canalizzato da John Smallman

Traduzione: Silvia Rubino Zizzo

Nessun commento:

Posta un commento

invocation


UN’INVOCAZIONE

14:02:2014 - 09:00H BRISBANE, AUSTRALIA

ROMA - 24:00H / 13:02:2014

http://24timezones.com/