Marcadores

jese (1) Jesus (139) Saul (59)

martedì 13 novembre 2012

7 novembre 2012 di Saul


  


Il benessere è lo stato in cui, ci si sente in pace


Saul, 7 Novembre 2012, da John Smallman



Il benessere sta avvolgendo tutti voi. Il benessere è lo stato in cui, ci si sente in pace, soddisfatti, composti, attenti, non ansiosamente chiedendosi, riguardo qualche problema 3D, nella vostra vita personale o quella dell'umanità. E' lo stato in cui si cerca e incoraggia, a concentrarsi a pregare o meditare, e in cui si rinuncia a tutte le vostre paure e preoccupazioni, per vostro Padre, per mezzo dello Spirito Santo.

Si è davvero ben disposti, quando si smette di cercare di ragionare, perchè vi siete trovati lì, o l'impegnarsi in una posa meditativa corretta, o di umile intento. Utilizzando il motivo per valutare quanto bene, o quanto male si sta facendo, è un rifiuto del momento che incoraggia ulteriore ansia. Abbiate fiducia che si è in presenza di vostro padre, - essendo il vostro intento, - e sapere che quindi siete lì. Il vostro senso di esso può essere debole o inesistente, ma il vostro intento significa che siete dove si intende essere: in pace nella presenza di Dio. Quindi non lasciate che le distrazioni che si riversano nella mente, vi disturbino. Il vostro intento garantisce il vostro successo, perché Dio onora sempre questo intento. I veli dell'illusione possono sembrare quasi impenetrabili, ma non siete mai soli, inosservati, o non amati, - perché siete i cari amati figli  di vostro padre. Confidate in Lui, come Egli confida in voi, sapete che questo ha senso.

Ogni volta che pregate o meditare, siete in ascolto, ogni volta. Spesso il vostro comportamento ansioso occupa la vostra consapevolezza: " 
Esiste davvero un Dio? Anche se c'è, perché Egli mi ascolta? In ogni caso, egli ha problemi ben più importanti da fare ", - un flusso senza fine di ansie, - e la vostra mente si riempie fino a traboccare con distrazioni. Lasciatevi andare! Arrendetevi al suo infinito amore per voi, e accettate che Egli vi ascolti.

Voi siete, tutti e ciascuno di voi, sul proprio cammino spirituale, e precisamente nel punto che avete appropriato per voi, in questo momento. 
E ci si sta muovendo senza deviazioniin avanti, verso il vostro risveglio inevitabile. C'è solo la realtà, l'illusione è irreale, e quindi non esiste alcuna opzione, ma solo che vi risvegliate. È comunque possibile scegliere di ritardare quel momento sublime, ma per farlo si impongono solo ulteriori sofferenze su di voi, quindi perché dovreste? 
Non abbiate paura di risvegliarvi, nella presenza di Dio, perché vi ritenete indegni di lui. Dio vi ha creato, e nulla che Egli crea, potrebbe essere indegna di lui.

E ' il vostro sentimento di non essere degni, che è culturalmente radicato, che proviene originariamente dalla decisione di separare voi stessi, dalla realtà, e ritirarvi nel vostro ambiente illusorio di dolore e sofferenza, che incoraggia,  infatti, a competere tra di voi, per provare a sè stessi di essere meglio, - e superare così quel senso di non essere degni. Un senso di indegnità, è un pesante fardello da portare, e si tenta di alleggerire il suo carico, attraverso il giudizio e la condanna degli altri. Non funziona, perché in fondo dentro di voi quel sentimento è ben fissato con la vostra convinzione di avere offeso Dio, e molte religioni hanno fatto del senso di indegnità, una virtù alla quale vi invitano ad aggrapparvi. Così, per sfuggire al dolore che questa convinzione causa, voi siete in competizione tra di voi per approvare qualche figura autoritaria umana - un genitore, fratello, sorella, insegnante, sacerdote, coniuge, capo, presidente, re, papa - che è solo un altro dei figli prediletti di Dio, proprio come voi.

La meditazione e la preghiera, possono portarvi nella profondità del vostro essere, dove è possibile scoprire la consapevolezza che tu sei un figlio di Dio, - e  quindi, del tutto degno di lui, e del suo amore per voi. Non c'è niente che dovete dimostrare, non c'è sacrificio che avete bisogno di fare, nessun omaggio che dovete. Perché tu sei un essere divino, una cosa sola con Dio, il vostro sempre amorevole Padre, eternamente. Alcuni di voi hanno scoperto questa verità incontestabile dentro di sè, e ha portato una gioia indicibile.

Quando vi svegliate dall'illusione, la verità di questa risplenderà per voi, come un brillante punto focalizzante, che conferma la meraviglia del vostro rapporto, con il vostro glorioso Padre. Anche ora, tutti voi conoscete questa verità. E' solo che, a causa dei timori radicati e dubbi, che l'illusione supporta, siete stati in fase di diniego, al fine di non riconoscere la connessione divina eterna. La realtà va in conflitto con le mode e convinzioni radicate su voi stessi, ma perché si ha familiarità seguite loro. Il vostro senso radicato di identità umane, identifica paura di cambiamenti, ed è riluttante a consentire, per non parlare di incoraggiare, a mettere in condizione sè stessi di essere liberi di conoscere Dio. Quando ci si risveglia, gli ultimi dubbi e le paure spariranno. Fino ad allora, continuate a ricordare a voi stessi, che sono prive di fondamento, e che siete esseri perfetti, presto vi riconoscerete per chi siete veramente.

Con amore, come sempre, Saul.

da John Smallman


Source: http://johnsmallman2.wordpress.com/

Traduzione: Mario

Nessun commento:

Posta un commento

invocation


UN’INVOCAZIONE

14:02:2014 - 09:00H BRISBANE, AUSTRALIA

ROMA - 24:00H / 13:02:2014

http://24timezones.com/