Marcadores

jese (1) Jesus (139) Saul (59)

venerdì 12 aprile 2013

17.03.2013 di Gesú


Dio non chiede a nessuno di imbracciare armi in suo nome

  
Gesú, 17 marzo 2013, da John Smallman


Il lungo e faticoso viaggio dell'umanità, dal momento in cui si è verificata la separazione apparente ma illusoria dalla Realtà, sta volgendo al termine. Avete sopportato molte sofferenze, ansia, e paura, come vagavate, spesso senza meta, attraverso lo strano ambiente che avevate costruito in cui sperimentare i vostri giochi - giochi che vi hanno, nel corso degli eoni, portato molta confusione e sconforto.

La Realtà è chiara, luminosa ed edificante, e avete scelto di allontanarvi da Essa nel caos e nella confusione. Inizialmente era intrigante ed emozionante perché era diverso, e in un certo senso vi siete sentiti più liberi come lo esploravate, ma il senso di libertà é rapidamente evaporato come vi siete trovati ad avere a che fare con i limiti; qualcosa che non avevate trovato nella Realtà. I vostri bisogni sono i vostri limiti, e come esseri umani avete sempre bisogni - aria pulita, cibo e acqua, calore, rifugio, protezione - così tanto, che avete grande difficoltà ad immaginare o concepire di vivere senza bisogni.

Alcuni di voi meditano, e mentre lo fate ricordate a voi stessi che in quel momento non avete bisogni, e questo è un bene. Ma quei bisogni umani di base devono essere regolarmente reintegrati mentre continuate ad essere impegnati per e attaccati ai vostri corpi. Garantire il loro regolare rifornimento è molto impegnativo per voi energeticamente e crea stress e l'ansia. Alcuni di voi credono che lo stress e l'ansia siano un bene per voi, perché credete che se non foste motivati da tali esigenze non otterreste nulla. Ma, naturalmente, se non aveste esigenze, non avreste bisogno di fare, e potreste semplicemente essere.

Quello che sperimentate con i sensi fisici come realtà è, infatti, una serie di esperienze che la vostra mente crea dentro di voi. Non c'è nulla al di fuori di voi, se non quello che proiettate con il vostro intento collettivo. Quell’intento è molto potente e presenta numerose immagini "esterne" a voi con cui entrare in contatto, ma la vostra esperienza è sempre di tipo interiore, individuale, perché avete scelto di avere a che fare con la separazione, abbandonando di fatto l’unità – il vostro reale ed eterno stato. Risvegliarsi è sapere che siete uno, non solo credere che sia così.

Nel corso degli ultimi decenni molti hanno preso coscienza della realtà della vostra unità, e della follia del pensare di essere separati, degli esseri individuali, non influenzati dagli altri a meno che non si interagisca fisicamente. Poiché questa consapevolezza è cresciuta, si sono formati gruppi per insegnare e diffondere questa conoscenza, ed incoraggiare gli altri a fare altrettanto, e si è sviluppata una forma-pensiero o campo energetico sempre più potente che sta cambiando il modo in cui ogni persona sulla Terra pensa e si comporta.

Guardate tutto il mondo e osservate la miriade di movimenti sociali che sono sorti con l'intento che le persone riprendessero la loro sovranità, il potere avuto da Dio che, se usato insieme alla comprensione e alla consapevolezza che tutti sono davvero uno, sta portando a enormi cambiamenti  in meglio nel modo in cui le persone si rapportano gli uni agli altri. I cittadini di tutto il mondo sono stati ascoltati, e il loro diritto di essere ascoltati e rispettati è stato accettato, come sempre più governi scoprono che devono rispondere in modo appropriato, onestamente e con integrità alle loro giuste richieste.

Come l'intensità di quest’onda energetica cresce, la gente comincerà anche a vedere che, in quanto tutti sono uno, mettersi assieme a gruppi opposti che cercano di raggiungere i propri obiettivi negando gli obiettivi altrui non ha assolutamente senso, perché nel livello più profondo del vostro essere avete tutti gli stessi obiettivi. Sono semplicemente stati esposti in modo differente e in diverse lingue e forme culturali, etniche, politiche e religiose che, in superficie, sembrano escludersi a vicenda. Non lo sono. Tutti desiderano essere amati, onorati e rispettati.

Quello che è successo nel corso degli eoni è che le vostre diverse razze e culture hanno sviluppato diversi modi per mostrare quelle grazie, e poi sono state codificate e riformulate come leggi infrangibili. Con il passare del tempo l'integrità e il significato più profondo alla base di essi è stato dimenticato o smarrito, e invece di rispettare e onorare l'un l'altro, la gente ora onora le leggi che sono state interpretate in modo estremamente restrittivo. Per risolvere questo problema, sempre più leggi sono state fatte, le restrizioni sono cresciute, e ora regna la confusione, e le persone hanno perso i loro diritti ricevuti da Dio di vivere come vogliono.

L'unica legge valida è quella di amare gli uni con gli altri e non fare del male a nessuno, ed è questa legge a cui tornerà l'umanità. Quando si fa così, la pace prevarrà. Il primo passo di questo percorso è quella di non giudicare gli altri. Quando rispettate e onorate i diritti di ogni individuo come essere umano di vivere in pace, e smettete di giudicare gli altri come sbagliati e meritevoli di punizione per non avere le vostre stesse convinzioni, tutte le ragioni per un conflitto evaporano.

Dio non chiede - per non parlare di desiderio o volontà – a nessuno di imbracciare le armi in suo nome. Egli vi ha creati tutti perfetti, uguali, e sovrani, ed Egli ama tutti, senza eccezioni! Egli non ha bisogno di protezione o di difesa. Egli è infinitamente potente. Come potrebbe anche solo immaginare un essere umano di poterlo difendere o proteggere? Eppure molti dei vostri conflitti sono basati su differenze di credo religioso, in cui prendete su di voi il diritto di giudicare per Dio. Che arroganza estrema!

Le religioni sono solo modi culturalmente diversi e diversificati di cercare di onorare Dio, l'Essere supremo. Dio l’ama quando Lo onorate nel vostro personale modo, che è solo un altro dei tanti aspetti creativi dell’onorare che è possibile utilizzare per Sua gioia. Quando giudicate gli altri, presumibilmente in Suo nome, state tentando di sostituirvi a Dio perché il vostro ego è fuori controllo, e nessuno può sostituirsi a Dio.

Quindi, aprite i vostri cuori nell'amore, costantemente, ognuno di voi, e osservate i miracoli che allora accadranno.

Il vostro amorevole fratello, Gesù.



Canalizzato da John Smallman

fonte: http://johnsmallman2.wordpress.com/


Traduzione Silvia Rubino Zizzo

Nessun commento:

Posta un commento

invocation


UN’INVOCAZIONE

14:02:2014 - 09:00H BRISBANE, AUSTRALIA

ROMA - 24:00H / 13:02:2014

http://24timezones.com/